cosa fare se odi il tuo lavoro

La situazione è questa questa: odi il tuo lavoro, odi andare in ufficio ogni mattina, odi il tuo capo e anche i tuoi colleghi. Ma per qualsivoglia ragione in questo momento non puoi licenziarti. Cosa fare?

La cosa peggiore è che il tuo lavoro è una parte importante della tua vita e un luogo dove passi la maggior parte del tuo tempo, e senti che ti sta rovinando la vita. Sicuramente hai già pensato di mollare, e la maggior parte dei consigli delle tue amiche è stato: licenziati e basta. Non tutte però abbiamo il lusso di poter scegliere, almeno subito, di lasciare un posto sicuro.

Quindi cosa puoi fare nel frattempo? E soprattutto, cosa puoi fare per non impazzire e renderti la vita un po’ meno amara?

1. Non sei sola

Consolati pensando che non sei la sola in questa situazione. La maggior parte delle persone, soprattutto le donne, risultano non essere soddisfatte del proprio lavoro. Questo per diversi motivi, tra i quali la difficoltà di poter fare carriera o uno stipendio poco adeguato. E per quanto tu possa non crederlo al momento, il lavoro che odi di solito è un trampolino di lancio per trovare qualcosa di meglio e spronarti ad inseguire nuove possibilità.

2. Fai il punto della tua situazione

È importante che tu capisca da cosa effettivamente dipenda la tua insoddisfazione al lavoro. Non ha senso continuare a dire quanto odi la tua posizione o lamentarti tutte le mattine quando devi andare in ufficio. Ecco cosa devi fare se odi il tuo lavoro: pensa a cos’è che davvero odi? Il tuo capo? la tua posizione? l’azienda per la quale lavori? i colleghi e l’ambiente lavorativo? O e forse la retribuzione e le condizioni di lavoro? Siamo spesso troppo presi dal lamentarci e da quando il lavoro faccia schifo, da non andare alla radice del problema. Ricorda che sapere cosa non vuoi è il primo passo per ottenere quello che vuoi.

3. Fai un piano

La maggior parte delle persone è infelice al lavoro ma ha bisogno di soldi. Questo è probabilmente anche il tuo caso. Tranquilla, tutto può essere risolto, basta avere un piano! Innanzitutto chiediti:

Cosa devo fare prima di lasciare il mio lavoro?

Fai in modo di trovarti nella migliore posizione finanziaria possibile. Ecco come fare:

Fai un bilancio e analizza il tuo budget

Devi sapere esattamente quanto guadagni e quanto spendi ogni mese. Questo ti aiuterà a capire dove e quali sono le tue perdite e cosa puoi fare per eliminare il superfluo. Fare un bilancio e decidere un budget significa dire ai tuoi soldi dove andare invece di chiederti dove sono finiti.

Trova le falle e inizia a risparmiare

Il proverbio dice: “acino per acino si fa la macina”, indicando che  non si deve sottovalutare il peso delle piccole cose, perché queste poi si sommano. Come nel caso di quelle che credi essere piccole spese, ma che stanno intaccando lentamente il tuo budget.

Ecco alcuni esempi di cose che puoi eliminare tenendo a mente che odi il tuo lavoro e quindi devi fare dei sacrifici per sbarazzartene:

  • abbonamenti in palestra poco utilizzata
  • servizi in abbonamento automatico che non ricordi di avere
  • netflix, spotify, sky etc.
  • Inizia a pianificare i pasti per risparmiare denaro
  • fai la spesa dove è più conveniente
  • controlla se hai l’abbonamento e la tariffa più convenienti sul tuo cellulare
  • quest’anno niente ferie in località costose

4. Inizia a cercare un altro lavoro*

*(In segreto)

Quando odi il tuo lavoro e non sai cosa fare c’è solo un modo in cui puoi iniziare a guardarti intorno: LinkedIn.  Questa sarà una delle tue migliori risorse. Gli studi dimostrano che l’80% dei reclutatori utilizza Internet per esaminare potenziali dipendenti. Quindi, a meno che tu per lavoro non abbia il tuo sito web, il tuo profilo LinkedIn sarà la tua migliore vetrina e la tua migliore possibilità di essere notata. Inizia quindi a dedicare un po’ di tempo a questa piattaforma e ad assicurarti che il tuo profilo sia completo e accattivante.

5. Espandi il tuo Network

La cosa più intelligente che puoi fare se odi il tuo lavoro è iniziare a costruire la tua rete professionale. Impegna 15 minuti del tuo tempo ogni giorno alle tipiche attività di ricerca di lavoro. Nello specifico:

  • Contatta i tuoi collegamenti su LinkedIn, persone che conosci ma anche che non conosci, per chiedere informazioni sul loro lavoro. Meglio ovviamente se nel settore in cui stai cercando.
  • Cerca fiere del lavoro o eventi di recruiting nella tua zona
  • Registrati a conferenze professionali, incontri
  • Puoi menzionare alle tue conoscenze che stai cercando lavoro. Magari loro sapranno indirizzarti dove vuoi andare

Queste attività occuperanno solo una piccolissima parte della tua giornata, mentre fai colazione o in pausa pranzo, ma vedrai quanto velocemente fare network ti possa aiutare ad entrare in contatto con le persone giuste. La tua giusta opportunità di lavoro potrebbe arrivare da qualcuno più vicino di quanto pensi.

6. Impara tutto quello che puoi

Quali sono i tuoi punti di forza? In quali aree potresti migliorare? Anche il lavoro che tanto odi può offrirti la possibilità di ampliare le tue conoscenze e la tua esperienza. Assicurati quindi in questo periodo di prendere da questa situazione tutto quello che puoi. Se hai tempo poi, approfittane per iscriverti a qualche corso online, leggi libri che possano farti crescere professionalmente.

 

Conclusione:

Avere un lavoro che non ti piace è estenuante, ma non lasciare che questo ti prosciughi.
Devi essere la tua più grande sostenitrice. Prenditi cura di te stessa. Dormi. Trova il tempo di fare le cose che ti piacciono. Goditi i tuoi giorni liberi senza farti consumare dal pensiero del tuo lavoro. E soprattutto, non ti arrendere, persevera. Troverai qualcosa di meglio, qualcosa più adatto a te.

E quando quel momento sarà arrivato, abbiamo per te un articolo su come cambiare lavoro in 8 mosse.

 

Post a Comment

Accetto la Privacy Policy