Judith Milgrom

Chi è Judith Milgrom? Ve lo sveliamo subito: è la fondatrice di Maje, casa di moda nata nel 1998 a Parigi e che ora è presente in 37 Paesi con 448 punti vendita. Nel corso degli anni, Maje ha saputo imporsi come marchio leader del settore del lusso accessibile puntando su capi di tendenza dai dettagli raffinatamente incisivi e originali per una silhouette decisamente femminile, sobria e glamour. (da maje.com) Judith Milgrom ha creato Maje ven’anni fa, pensandola per le donne da parte delle donne. Nasce infatti da una storia tutta al femminile, che coinvolge soprattutto sua sorella, Evelyne Chetrite fondatrice di un’altra casa di moda di successo: Sandro Paris. Ma andiamo per ordine. 

Vita di Judith Milgrom & inizi

Judith Milgrom vive un’infanzia non facilissima, segnata subito da diverse difficoltà e separazioni. Passa i primi anni della sua vita in Marocco, dove vive con i genitori, sua sorella e due fratelli, di cui uno disabile. Di lui ha difficoltà a parlare soprattutto in seguito alla sua perdita. Un’altro evento che l’ha segnata molto è stata la separazione dalla sorella più grande. Infatti ha lasciato il Marocco quando Judith aveva 7 anni per andare a studiare in Francia. Pochi anni dopo però viene raggiunta da tutta la famiglia che decide di emigrare e trasferirsi definitivamente a Parigi. In questi anni, oltre ad una stima profonda per sua madre, la vita della Milgrom è segnata profondamente anche da un’altra figura femminile: quella della nonna, che le ha insegnato tutto. Crescendo ha poi iniziato a stringere un rapporto sempre più profondo con sua sorella più grande Evelyne. Si sentiva molto attratta dalla sua figura indipendente e forte, perchè aveva sempre qualche lavoretto che però teneva nascosto dalla madre, che voleva studiassero. L’ultima della attività della sorella sarà quella di creare una casa di moda, Sandro Paris, dove inizierà la vera storia professionale di Judith.

Maje Paris

Judith Milgrom ha smesso di studiare a 16 anni, determinata ad iniziare subito a lavorare con la sorella nella sua nuova attività. In diverse interviste ha raccontato che all’inizio facevano cento abiti al giorno, li vendevano e ne facevano altri cento con il ricavato. Fino a quando non hanno iniziato a farsi un nome. Judith è rimasta con la sorella per 10 anni, dove ha imparato tanto e accumulato l’esperienza necessaria che le ha fatto prendere in seguito la decisione che le ha cambiato la vita. Spinta dal desiderio di creare qualcosa di suo e di mettersi alla prova, lascia l’attività della sorella e si mette in proprio, aiutata dal fratello Alain. Grazie ad un prestito di centomila franchi, nasce così Maje – che sta per Moyal, il loro cognome, Alain, Judith ed Evelyne. Ha iniziato in una piccola stanza con un tavolo, un telefono e la sua esperienza, e determinata a riuscire da sola non si è mai fatta aiutare dalla sorella. I primi anni non sono stati facili e non era sicura che avrebbe resistito. Qualsiasi guadagno lo reinvestiva nel marchio, contrariamente alla volontà del fratello che avrebbe voluto guadagnare da subito. Alla fine però la sua strategia si è rivelata vincente, dimostrando che per creare un’attività di successo non bisogna farsi prendere dalla fretta, ma è importante pianificare bene tutto con attenzione e avere pazienza e costanza. 

Un’abitudine che possiamo imparare da Judith Milgrom? Un giorno a settimana, solitamente il sabato, si disconnette completamente. Niente telefono, niente computer. Niente. Dedica questo tempo a se stessa, alla figlia e soprattutto ad imparare, incontrare gente, mangiare, bere e scambiare esperienze.

 

Ho realizzato il mio progetto grazie a tre grandi donne. Mia Nonna, mia Madre, mia Sorella. Sono state la mia fortuna e ho imparato tutto da loro. 

 

Per le altre “Cotte del Mercoledì” clicca quì.

Post a Comment

Accetto la Privacy Policy